Come arredare la cucina, come ricavare la cucina a vista sul soggiorno, dove collocare la zona cottura in un ambiente unico, come sfruttare al meglio gli spazi. Queste sono tutte scelte importanti e fondamentali per la riuscita di una cucina perfetta per ognuno di noi. La scelta di avere cucina e soggiorno insieme è ormai prerogativa di quasi tutti i giovani, single o in coppia, ma anche tanti adulti che apprezzano la condivisione di spazi e attività prediligono l’open space per la zona giorno, con area operativa e area relax in un unico ambiente. In cucina, e quindi anche nel soggiorno in tutti quei casi in cui si è optato per un unico spazio per le due funzioni, si concentrano tutte le principali attività: pranzo, cena, condivisione, relax e lavoro. In commercio è possibile trovare tutti i nuovi modelli in produzione, classici o moderni, in piccole o grandi composizioni, in muratura o industrial, separate o aperte sul soggiorno, ma anche individuare tra tutte le tendenze quella che più si avvicina al gusto personale, il materiale per ante e piani di lavoro più adatto alle necessità e anche proporzionato al budget di spesa disponibile, lavelli e rubinetti da abbinare alla finitura della cucina, oggettistica e casalinghi.

Cucine moderne Ad angolo, con penisola, in legno o realizzate in materiali innovativi, in stile industrial o minimalista, colorate o total white, separate o integrate nell’ambiente living, smart, tecnologiche e superfunzionali, le cucine moderne soddisfano tutti i gusti e le necessità di arredo. E’ bene focalizzarsi su una particolare esigenza estetica, come ad esempio sulle cucine con gola, perfette per l’open space contemporaneo, sulle cucine bianche o grigie, o con dettagli colorati o semplicemente coordinate all’ambiente living, o su specifiche necessità legate a problemi di spazio, come le cucine mini, quelle con moduli di profondità inferiore ai 60 cm o con tavolo estraibile, allungabile e salvaspazio.

Cucine classiche La varietà di definizioni non manca: tradizionale, old style, retrò, shabby chic o vintage, tutte a indicare uno stile caldo e accogliente, senza tempo. Lo stile classico non passa di moda, semplicemente si modifica nel tempo adottando finiture e colori diversi, anche sulla base delle tendenze delle cucine contemporanee: ecco quindi i modelli classici in legno tinta legno e poi quelle laccati, country o new classic, sempre caratterizzati da linee tradizionali, eleganti e raffinate.

Che materiali scegliere Una delle priorità in cucina è quella di avere materiali resistenti al calore, alle abrasioni o ai graffi e soprattutto top, superfici e piani lavoro facili da pulire e durevoli nel tempo. Che si valutino ante o piani di lavoro è fondamentale conoscere i materiali e le finiture disponibili, le fasce di prezzo cui corrispondono, i termini tecnici e la differenza, per esempio, tra una laccatura e un laminato, così da essere più consapevoli di ciò che si acquista. Questo consente anche di valutare prima se ciò che si vuole acquistare ha caratteristiche di resistenza e richiede una facile manutenzione o se invece è delicato e necessita di cure particolari per preservare nel tempo la bellezza del mobile. Che cosa scegliere, dunque? Marmo e pietra o gres porcellanato? Laminato e melaminico o più innovativi materiali? Standard con comandi completamente touch? La scelta dipende e varia dal gusto estetico e ovviamente dalla disponibilità economica.

Oggettistica casa e casalinghi  Il mercato dell’oggettistica e dei casalinghi regala ogni anno interessanti novità, specie se presentate alle fiere di settore, come Homi a Milano o Maison et Objet a Parigi. Non solo prodotti che arredano l’ambiente cucina come i vasi per i fiori, i centrotavola o le decorazioni per la tavola, ma anche le pentole, i servizi di piatti, i bicchieri, le posate, le bottiglie, gli accessori e tutti gli utensili indispensabili per cucinare, come le bilance o le macchinette per il caffè. Tutti questi elementi sono fondamentali per una buona scelta estetica e funzionale.

Lavelli e rubinetti Lavelli e rubinetti sono una coppia importante in cucina, perché da una scelta ponderata, sempre in relazione ai materiali ma anche e soprattutto a misure e dimensioni e proporzioni di uno in relazione all’altro, dipenderanno comodità e funzionalità nella zona lavaggio. Sul mercato ci sono tantissimi i tipi di lavelli, a una vasca, o a due, a angolo, integrati nel top o a sé stanti, in acciaio o altri materiali, persino attrezzati con tagliere e scolapasta. Ma quale rubinetto abbinare? Le opzioni si moltiplicano: miscelatori a collo alto, snodabili per lavare meglio ogni tipo di pentola, rubinetti hi-tech, belli, funzionali e risparmia-acqua, con filtri eco-friendly per filtrare, depurare l’acqua e trasformarla persino in bevanda frizzante, garantendo il massimo risparmio e abbattendo l’impatto ambientale causato dal consumo di acqua in bottiglia.

Progetti per una cucina funzionale Spesso il progetto della cucina è proprio il nodo più difficile da sciogliere in un nuovo layout. Case di piccole dimensioni, loft con ambienti open space, impianti nella posizione meno opportuna, sono tutti dettagli che richiedono una giusta scelta progettuale. Per ricavare cucina a vista sul soggiorno o una separata, per spostarla da un punto all’altro dell’appartamento, per ottimizzare gli spazi e creare soluzioni interessanti, anche in meno di 6 mq o persino in 3 mq, il progetto è sempre e comunque cruciale. Ecco perché è sempre consigliabile un supporto tecnico professionale senza improvvisazione. Nei prossimi articoli vedremo nel dettaglio le diverse tipologie di cucine e qualche consiglio utile per soddisfare le esigenze di tutti.


RUBRICA CURATA DA

Daniele Drigo

Architetto e Blogger